• ROMEO FERRERO

ENRICO MURATORE APROSIO - LUCID DREAMING - Galerie L'entrepôt a Montecarlo dal 9 al 16 Settembre '22

Aggiornamento: 7 set



Nato a Sanremo nel 1972, Enrico Muratore Aprosio (EMA) è cresciuto a Grimaldi di Ventimiglia, in Italia, a poche centinaia di metri dalla frontiera francese e a circa 15 chilometri dal Principato di Monaco.

Dopo avere terminato i suoi studi in materia di diritto internazionale dei diritti umani in Francia, e dopo il servizio militare in Italia, nel 1998 EMA è entrato a fare parte della missione di pace delle Nazioni Unite in Angola, in qualità di esperto di diritti umani, e da allora ha lavorato nel settore dei diritti umani, umanitario e dello sviluppo, vivendo e viaggiando in giro per il pianeta, soprattutto in Africa, negli ultimi 25 anni. Ha servito le Nazioni Unite in vari ruoli ed ha anche lavorato per ONG internazionali come Oxfam in Africa Occidentale o Avvocati senza Frontiere in Ruanda.

EMA ha dedicato una buona parte della propria vita ad attività di volontariato nel settore

dell’educazione alla pace (vedere Enrico Muratore : une vie à la quête de la Paix et de la Justice ), in qualità di fondatore e Segretario-Generale dell’Associazione del Capitano Mbaye Diagne per la Cultura di Pace, per promuovere il lascito dell’eroico Casco Blu Senegalese che diede la propria vita dopo avere salvato, disarmato, oltre 1.000 persone in Ruanda durante il genocidio dei Tutsi del 1994. L' Associazione è stata determinante nel promuovere il riconoscimento da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del coraggio del Capitano e l' istituzione della Medaglia del Capitano Mbaye Diagne per il Coraggio Eccezionale.


EMA con l’Alto Commissario dei Diritti Umani Zeid Ra’ad Al-Hussein, membro dell’Associazione del Capitano Mbaye Diagne

Anche giornalista radiofonico e di stampa e scrittore, EMA ha, tra l'altro, guidato progetti di

giornalismo umanitario delle Nazioni Unite in Angola e in Kenya, prodotto numerosi documentari e campagne mediatiche, collaborando en passant con i premi Nobel Dario Fo e Wangari Maathai, nonché personalità come Beppe Grillo, Boubacar Boris Diop, ilgenerale Romeo Dallaire,

l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Zeid Ra'ad Al-Hussein, ed altri. EMA ha anche pubblicato numerosi articoli su diritti umani, conflitti, affari umanitari, sviluppo e relazioni internazionali su Il Fatto Quotidiano e altri media.

Dal 2016 EMA vive a Ginevra. Da allora, ha continuato la sua attività pro-bono per la promozione della cultura della pace, organizzando, tra l'altro, conferenze alla sede dell' ONU a Ginevra ed alla sede del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Allo stesso tempo, EMA ha concentrato la sua azione professionale sul diritto all'acqua, nonché sulla protezione dei diritti culturali e del patrimonio culturale.

Nella sua vita privata, EMA è padre di due bellissime ragazze, un appassionato di tennis ed un amante della musica giamaicana. Occasionalmente può essere avvistato mentre passeggia per Ginevra in compagnia di Stella, il suo cane senegalese. Nel 2020, quando è stata dichiarata la pandemia di Covid-19, EMA ha deciso di utilizzare il tempo extra per ricominciare a fare collage, scrivere storie e poesie e, naturalmente, dipingere. (Per maggior informazioni, vedere il sito web di EMA)



80 visualizzazioni0 commenti