top of page

LA SARDENAIRA DEL PANIFICIO F.LLI LIA DI CAMPOROSSO (IM) UNA RICETTA DELLA TRADIZIONE SUL CONFINE ITALO FRANCESE. (VIDEO)

Aggiornamento: 10 mag


500 gr di farina 00, 250 ml di acqua, 60 gr di olio, 10 gr di lievito di birra fresco,10 gr di sale fino, 250 gr di polpa di pomodoro, 8 Filetti di Acciughe, 60 gr di Olive Taggiasche,15 gr di capperi sotto sale, 6 spicchi di aglio con la camicia, Olio Extra Vergine di Oliva, Origano.

La ricetta della Sardenaira del Ponente Ligure comincia sciogliendo il sale in una ciotolina, con un goccio dell’acqua per l’impasto, e sciogliendo il lievito di birra nell’acqua restante. In una ciotola mettere la farina e iniziare a mescolare aggiungendo a filo l’Olio di Oliva. Aggiungere poi a filo l’acqua con il lievito e quella con il sale continuando a mescolare. Trasferire l’impasto della Sardenaira su un piano di lavoro ed impastare per circa dieci minuti fintanto che non diventerà liscio ed elastico. Creare una palla, metterla in una ciotola, coprire con un panno e lasciare riposare per 20 minuti a temperatura ambiente.Trascorso questo tempo, trasferire il tutto in una teglia di circa 35x28 cm accuratamente oleata. Stendere delicatamente l’impasto con le dita, coprire con della pellicola e lasciare riposare per un’ora. Accendere il forno statico a 210°C, riprendere la teglia con l’impasto della Sardenaira e condire con la polpa di pomodoro, i capperi dissalati, i Filetti di Acciughe, le Olive Taggiasche, l’aglio con la camicia, una spolverata di origano e circa 20 ml di Olio Extra Vergine di Oliva.

Cuocere in forno caldo per circa 30 minuti. Una volta tolta dal forno, aggiungere sulla superficie della Sardenaira il restante olio extra vergine di oliva e qualche altra fogliolina di origano. Servire la Sardenaira ancora calda.

Il progetto #Acciugando nasce da un’idea di Romeo Ferrero, Imprenditore ed Accademico della Cucina Italiana nel Principato di Monaco. #Acciugando verrà presentato durante la serata conviviale dell’Accademia della Cucina Italiana del giorno 13 maggio 2024.  OLIO D'OLIVA e ACCIUGHE hanno sempre ispirato le popolazioni delle nostre zone per la loro nutrizione. Noi di #ACCIUGANDO intendiamo ripercorrere le tappe che fin dai  tempi antichi l’olio di oliva e le acciughe venivano trasportate dalla Costa Azzurra verso il Piemonte. PRIMA TAPPA Il 19 maggio 2024 alle ore 12 a Camporosso (IM), PalaBigauda di Corso Vittorio Emanuele, 228 , dove la Proloco, gli Amici del Mulino, con il patrocinio del Comune, organizzerà una sagra enograstronomica (il vino del Ponente ligure non potrà mancare) a base di acciughe cucinate con l'olio delle olive taggiasche. E' possibile prenotare un tavolo sotto il Palatenda telefonando al n. +39 3351512747. Intrattenimento musicale con ALE DEE JAY e THE DREAM RANCH per la gioia dei bambini.  Dal giorno dopo, in modo puramente fantasioso, una carovana di entusiasti degustatori farà rotta verso nord, accompagnata da muli carichi di otri d'olio di oliva e di acciughe sotto sale, per giungere a Venaria Reale di Torino attraverso le province di Imperia, di Cuneo e di Asti. Tappe obbligate saranno tutti i siti e i ristoranti più significativi dei Comuni toccati dal percorso, dove ogni ristorante che avrà aderito ad #ACCIUGANDO inserirà nel proprio menù un piatto con le acciughe. Gli enti interessati che vorranno aggiungersi a quelli che già hanno dato la loro adesione possono scrivere per informazioni  a podcastmc@gmail.com  #ACCIUGANDO2024


88 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page